Experience Monterosa

Gressoney Saint Jean – Passeggiate Circolari

A Gressoney Saint Jean abbiamo diverse opportunità di sentieri, sono molti i percorsi ad anello circolari che vi faranno scoprire gli angoli più belli dove troverete  panorami mozzafiato.

Sono nove le passeggiate che vi proponiamo, ecco i cammini che potrete fare:

Sentiero nr 3 – Alpe Ranzola Inferiore – Walser Waeg Alpe Staller

Un classico percorso che sale al Colle Ranzola, collegamento con la Val d’Ayas per rientrare su Gressoney con un tratto del Walser Weg.

Partenza da Biel Superiore prendendo il sentiero nr. 3 che sale con percorso a larghe curve nel bosco. Si sbuca suo prati dell’alpe Ranzola Inferiore, di qui grandiosa vista sul massiccio del Rosa; si lascia il sentiero nr. 3 prendendo a destra il Walser Waeg che passa sotto l’alpe Ranzola Inferiore e attraversa con percorso in saliscendi verso la testata della valle. Si raggiunge così l’alpe Staller dove si prende il sentiero nr. 4 che rientra a Saint Jean in frazione Onderwoald.

dislivello: 1000 m tempo di percorrenza: 3 ore

 

Cialvrina- Weissmatten – Ranzola – Cialvrina

Un percorso che parte da Cialvrina, una delle più suggestive frazioni di Saint Jean, sospesa sulla vallata, con un antico nucleo di stadel e rascard tipici. Si parte al termine della strada asfaltata che sale alle baite di Cialvrina Superiore. Si continua oltre la sbarra sino ad individuare il sentiero nr. 2 che con un ripido tratto entra nel bosco di fianco alle piste di sci del Weissmatten ; si continua sbucando su terreno più aperto per arrivare alla stazione superiore della seggiovia del Wisssmatten nei pressi del Rifugio Mollino, costruzione disegnata dal celebre architetto torinese. Si continua seguendo in sentiero 3A che in breve raggiunge i suggestivi prati di Wissomatto (Prato Bianco) da dove piegando verso destra si sale al vicino colletto del Belvedere. Si scende un tratto più impervio e si traversa il fianco della montagna portandosi sotto la Punta Regina con la presenza di piccoli laghetti. Si raggiunge il Colle Ranzola affacciato sulla conca di Estoul e la Val d’Ayas. Il rientro avviene dapprima sukl sentiero nr 3; quando il percorso rientra nel bosco al di sotto dei pascoli dell’alpe Ranzola Inferiore si prende a destra in Walser Weg che dapprima in saliscendi e quindi con una ripida discesa riporta al punto di partenza dell’ Alpe Cialvrina Superiore.

dislivello: 500 m tempo di percorrenza: 3 ore

Valdobbia – Colle Valdobbia – Colle Valdibbiola – Rong

Una gita super classica con salita al Colle Valdobbia ed all’Ospizio Sottile, antico collegamento con la Valsesia.

Da Valdobbia si prende il sentiero 11 per il Colle Valdobbia; la prima parte è ripida ma ombreggiata, quindi si sbuca nella parte alta del vallone dove le pendenze diminuiscono ed il terreno diventa più aperto. Si passa nei pressi degli alpeggi di Cialfrezzo inferiore superiore e si raggiunge il Colle e l’Ospizio Sottile con un ultimo tratto più ripido. Si scende un breve tratto verso la Valsesia  prestando attenzione ad una deviazione sulla sinistra (sentiero 1B) che traversa un tratto ripido. Si entra così in una valletta che su terreno pietroso porta al Colle di Valdobbiola. Dal Colle si prende a sinistra il sentiero 9a che scende per delle vallette erbose. Ci si ricollega con il sentiero 9 nei pressi di Schenebie e toccando gli alpeggi di Valdobbiola Superiore ed Inferiore si rientra a Saint Jean in frazione Rong. Di qui si può ritornare in paese seguendo il percorso che costeggia la sinistra orografica del fiume Lys.

dislivello: 1300 m tempo di percorrenza: 5 ore

Valdobbia Valle Principi – Hoberg Valdobbia

Un percorso molto bello che raggiunge uno dei luoghi più suggestivi della valle di Gressoney, la valle dei Principi con i suoi laghetti e pozze.

Partenza dalla frazione di Valdobbia con un primo tratto nel ripido bosco sul sentiero nr 11. In breve si devia a destra sul sentiero 11 b che si tiene sino a sbucare su tererno meno ripido e più aperto passando nei pressi dell’Alpe Potzie e quindi dell’alpe Scherpia. Si entra in una valletta arrivando all’alpe Scherpia superiore e di qui si scende ai laghetti formati dal torrente. Si percorre tutto la valletta sula destra del torrente verso valle con percorso non sempre evidente sino a prendere il sentiero 11A che scende sulla alpe Hoberg Superiore ed Inferiore. Di qui in breve ci si ricollega al percorso di salita rientrando su Valdobbia con il sentiero nr 11.

dislivello: 800 m tempo di percorrenza: 5 ore

Gressoney – Ciastelaz – Iazza – Walser waeg – Valnera

Un itinerario altamente scenografico con ampie viste sul Monte Rosa e partenza dal centro del paese.

Dalla zona del lago Gover si sale con il sentiero 4a dapprima alla baita di Tschachtalaz e quindi a quella di Iazza dove si incontra il tracciato del Walser Waeg. Si prende questo percorso verso destra e con continui saliscendi si arriva all’alpe Valnera Inferiore. Si prende in discesa il ripido sentiero nr 5 e si rientra su Saint Jean arrivando in centro paese.

dislivello: 700 metri tempo di percorrenza: 4 ore

Schmetto – Alpenzu grande – Alpenzu piccolo – Lysbalma – Rong – Gressoney Saint Jean

Itinerario molto suggestivo, con valenza storica e panoramica. Si toccano i villaggi di Alpenzu Grande e Piccolo, gioielli dell’architettura Walser e tra i primi insediamenti di questa popolazione nella valle di Gressoney.

Partenza dalla frazione Schmetto con il sentiero nr1; si sale con tornanti nel bosco passando vicino ad alcune piante monumentali; usciti dal bosco si raggiunge la frazione di Alpenzu Grande, grandioso balcone sul Monte Rosa, dove si possono ammirare edifici della tipica architettura Walser  risalenti al  XIII secolo. Di qui si prende il Walser Waeg (W) che con percorso in saliscendi si porta verso la testata della valle toccando gli alpeggi di Eebe, Hobelte e arrivando ad Alpenzu Piccolo. Si continua sempre sul percorso del Walser Waeg sino ad incontrare il sentiero 10A che scende sulla frazione di Lysbalba dove si traversa la strada regionale ed iniziando la discesa verso Saint Jean dapprima su una poderale (nr 14) e quindi al di sopra della frazione di Ecko diventa un sentiero sempre contrassegnato dal Nr 14. Con percorso altamente panoramico si arriva alla frazione di Biela e di qui alla frazione di Rong. Si scende verso la frazione di Chemonal da dove si rientra al punto di partenza.

dislivello: 600 metri tempo di percorrenza: 4 ore

Anello Passeggiata della Regina – Strada Lombarda

Un anello con pochissimo dislivello, praticamente pianeggiante posto appena al di sopra del fondovalle che costeggia ed a volte attraversa la zona centrale del paese, di grande interesse storico/architettonico e paesaggistico.

Partenza dalla zona del lago di Gover, si prende dietro al laghetto il percorso della Regina (nr1) che con percorso a leggeri saliscendi si porta dapprima alla suggestiva cascata di Underwoald e quindi raggiunge il Castel Savoia, antica residenza della Regina Margherita. Si continua seguendo il segnavia Nr1 che passa per la frazione di Obre Biel e quindi scende verso la zona del Weissmatten. Si traversa il ponte e si risale un tratto di circa 500 metri sino a raggiungere la Sport Haus sul cui lato a Nord parte il sentiero della Strada Lombarda che ritorna verso il paese. Si passa nella frazione di Valdobbia e si traversa un caratteristico ponte di pietra passando vicino alla frazione di Predeloasch. In breve si arriva alla Villa Margherita, altra sontuosa residenza della Regina, oggi sede del comune di Gressoney Saint Jean. Si continua per alcune centinaia di metri sino al centro del paese dove si traversa il Lys sul ponte del piazzale/parcheggio, seguendo la poderale (nr14) che costeggia il torrente Lys. Subito dopo la centrale elettrica si gira a sinistra raggiungendo la frazione di Chemonal, la si attraversa andando a prendere il Sentiero della Regina (nr15) che con un bellissimo tratto immerso nel bosco riporta nei pressi del centro del paese e del Lago Gover, punto di partenza.

dislivello: 100 metri tempo di percorrenza: 2/3 ore

Valdobbia – Colle Valdobbia – Colle di Loo

Una lunga traversata ad anello a dir poco grandiosa che sconfina in Valsesia percorrendo due valloni tra i più belli delle alpi, il vallone del Maccagno ed il Vallone di Loo.

Partenza da Valdobbia, la prima parte dell’itinerario è comune con l’itinerario nr 3 sino al Colle Valdobbia ed all’Ospizio Sottile. Di qui si scende con il sentiero nel vallone sino a raggiungere l’ alpe Montata e poco dopo il ponte Napoleonico, di qui si gira a destra immettendosi nel vallone del Maccagno, segnavia nr 5. L’ultimo tratto per il Colle del Maccagno si snoda in un suggestivo ambiente costituito da lastronate di roccia. Si scende su una pietraia fino ai piani di Loo e si prende verso valle il sentiero nr 12 che in breve porta alla bellissima frazione di Loo Superiore, scendo quindi su Loo Inferiore e Bodma. Un tratto nel bosco lastricato in pietra porta alla frazione di Loomatten dalla quale si può rientrare al punto di partenza.

dislivello: 2000 metri tempo di percorrenza: 8 ore